La malattia dell’auto nuova

Conosco tante persone che hanno quella che io chiamo la “malattia dell’auto nuova”. Persone che hanno il mutuo da pagare, una famiglia da mantenere uno stipendio economicamente retribuito nella media e quindi che non hanno uno stile di vita troppo dispendioso.
Non sono alla fame, ma devono stare attenti alle spese per arrivare con tranquillità alla fine del mese.

Ogni tanto qualcuno di questi personaggi se ne esce con la novità: Ho cambiato auto, sai la mia aveva già 5 anni!
E non si parla di piccole e relativamente economiche utilitarie, ma di auto da 18-20 mila euro o oltre.

Spesso poi scopro che è gente che fa 5000 km all’anno e che di un’auto così “grossa” proprio non ne aveva necessità.
Sarà che io la “malattia dell’auto” proprio non la capisco ma ogni passione o mania vista dagli occhi di chi non ne è contagiato sembra assurda.

Io spendo cifre alte per curare le mie passioni e magari altri mi danno del pazzo per questo. Queste persone però sono spesso a piangersi addosso che hanno pochi soldi, che non riescono a fare le vacanze per motivi economici, che tutti gli altri sono più fortunati di loro.

E poi mi irrita quando io gli dico che invece del mega suv potevano accontentarsi di un’altra auto loro mi rispondono: “Ma a me piaceva quella”!!!

2 commenti su “La malattia dell’auto nuova

  1. Per fare un commento leggero leggero ti direi che la colpa è del sistema consumistico che si regge sulle pubblicità per forzare dei bisogni non necessari.
    [ironia]
    Ma sù “E’ cosi bella”.
    [/ironia]

  2. Orsobasso ha scritto:

    la colpa è del sistema consumistico che si regge sulle pubblicità per forzare dei bisogni non necessari.

    Da incorniciare, complimenti 🙂

Lascia un commento