Batterie con il virus geneticamente modificato

Un virus geneticamente modificato, renderà più eco sostenibili le nostre batterie al litio. Alcuni ricercatori del Mit, coordinati da Angela M. Belcher, sono riusciti a produrre una batteria utilizzando il virus modificato come appendice conduttrice di entrambi gli elettrodi. La batteria prodotta ha le stesse prestazioni di una tradizionale, ma per la sua produzione è adottato un processo più eco sostenibile in quanto la sua sintesi avviene a temperatura ambiente. Non contiene sostanze nocive o tossiche e non necessita di solventi organici per il ciclo produttivo. Tutto merito del virus batteriofago M13 modificato in modo da indurlo a produrre fosfato di ferro amorfo che, legandosi a nanotubi di carbonio, ne aumenta la conduttività degli elettrodi. La stessa tecnica porterà in futuro ad avere batterie con elettrodi realizzati partendo anche da materiali scarsamente conduttori.

Lascia un commento