I fondi di caffè per ricavare biodiesel

La corsa verso la ricerca di nuove fonti da cui ricavare biocombustibili in alternativa al petrolio non si ferma mai. Dopo i vari cereali, palme e altre colture che hanno acceso le polemiche per il rischio di togliere risorse alle coltivazioni alimentari per i paesi in via di sviluppo, arriva l’era dei rifiuti. Sta nascendo, per fortuna, l’idea concreta di trasformare i rifiuti in risorsa utile. E’ il turno dei fondi di caffè, dai quali si può ottenere un ottimo olio da convertire in biodiesel. Secondo i ricercatori dell’università del Nevada i fondi del caffè contengono dal 10 al 20 % di olio utile a seconda delle miscele impiegate. Lo scarto poi può ulteriormente essere sfruttato per essere trasformato in etanolo e compost fertilizzante. L’idea poi di percepire al passaggio di un’auto, anche un gradevole aroma di caffè, ha contribuito alla decisione di far partire un impianto pilota per la produzione del biodiesel che sarà operativo entro l’anno. Il costo per la lavorazione risulta dai primi studi di fattibilità, parecchio contenuto, e sfruttando quello che era un rifiuto, risulta essere un biodiesel davvero ecosostenibile. Usati da anni per leggere il nostro futuro, ne diverranno forse parte integrante.

da hwgadget

Lascia un commento