Il braccialetto per la sicurezza in volo

Dopo l’11 settembre negli aeroporti di tutto il mondo, sono cambiate diverse procedure di sicurezza. Tra qualche tempo arriverà una novità iniziando da i voli transoceanici. Un braccialetto elettronico verrà applicato a tutti appena entrati in area aeroportuale. Questo dispositivo dotato di un piccolo gps, racchiuderà tutte le informazioni relative al viaggiatore sostituendo ad esempio la carta d’imbarco. Anche dati come allergie, menù preferiti o altro saranno inseriti nel braccialetto. Segnalerà costantemente alla sicurezza la posizione del soggetto, la localizzazione del suo bagaglio ed eventuali separazioni tra viaggiatore e la sua valigia. Oltre a contenere informazioni sulla persona, a garantire il controllo sugli spostamenti, questo braccialetto è in grado di rilasciare una scarica che stordisce e immobilizza il soggetto. Comandati da speciali “sceriffi dell’aria”, questi cinturini paralizzano l’eventuale terrorista per qualche minuto. Sono però sempre di più le persone che vedono queste imposizioni come una violazione delle libertà personali e si domandano che prezzo dovremmo pagare per avere più sicurezza in volo.

Lascia un commento