Il lego sempre più tecnologico

Sembrano ormai molti lontani i tempi in cui il sogno di ogni bambino era avere una scatola di lego. Il famosissimo mattoncino colorato che, dando spazio alla fantasia, permetteva di costruire i più svariati oggetti. Personalmente non sono mai riuscito ad andare oltre alla classica e semplice casa con il tetto orizzontale, probabilmente per mancanza di pezzi e di fantasia. Col tempo il banale mattoncino si è saputo evolvere in sempre più tecnologiche costruzioni. Con la giusta fantasia è davvero incredibile cosa è possibile oggi costruire. Il programmatore svedese Hans Andersson, con il kit di “Lego Mindstorm Retail” ha costruito un robot che risolve l’altrettanto famoso cubo di Rubik. Con l’ausilio di sensori capaci di riconoscere i colori, tre motorini elettrici e una centralina programmabile ha costruito questo robottino. Prima studia lo stato del cubo, poi la centralina risolve teoricamente e poi i motori elettrici le risolvono praticamente. La vera sfida, dice Hans Andersson, è stata scrivere un algoritmo per la centralina che permettesse di risolvere informaticamente il cubo. Talmente riuscito nell’impresa che ha dato la possibilità a tutti di ripetere la sua esperienza fornendo indicazioni precise e software necessario sul suo sito. Per vedere il robottino in azione c’è questo video da You Tube [youtube=http://it.youtube.com/watch?v=5fAn5A0HbhU]

da hwgadget

Lascia un commento