Il sesso dell’erede

Con il mio erede nel marsupio o nel passeggino, vado spesso a spasso per la città. Come la maggioranza dei bambini piccoli, di giorno dorme tranquillo solo a spasso.

Ovviamente lo vestiamo leggero o pesante seguendo il clima ma sempre con colori sull’azzurro. La mamma è fissata, per cui il vestiario è sempre su tinte azzurre per indicarne il sesso.

Il pupo ha poco più di tre mesi e a questa età i lineamenti sono abbastanza asessuati e forse proprio per questo la mamma ci tiene a vestirlo da maschio.
Non ha treccine o nessun accessorio tipicamente femminile ma nonostante ciò quando mi avvicina qualcuno che non sa resistere alla visione di un bebè esclama quasi sempre: “Ma che bella bambina”!

E’ vestito tutto d’azzurro, come fanno a sbagliarsi? Parlando con altri genitori che hanno una bambina, mi hanno riferito che la situazione opposta capita anche a loro.
Se nessuno facesse caso al colore, statisticamente almeno la metà dovrebbe indovinare il sesso.

L’ipotesi potrebbe essere che noi genitori facciamo caso solo al 50% che sbaglia tendendo a non ricordarci degli altri, ma viene da rispondere male quando danno della femminuccia al tuo fagottino azzurro!

Un commento su “Il sesso dell’erede

  1. C’è anche da dire che non sempre i vestitini sono quelli “originali” nel senso che spesso sono passati da amici, cuginetti o parenti vari, quindi il colore potrebbe essere portatore sano di cazzate.
    Io per stare tranquillo dico sempre qualcosa che non comprenda il sesso, tipo “ma che bella creatura” 🙂

Lascia un commento