La bonifica della Haven

Moltissimi si ricorderanno del disastro della petroliera Haven. Nel 1991 questa petroliera carica di greggio si è incendiata a 4 Km dalle coste di Genova durante le operazioni di scarico. Dopo 3 giorni di fiamme altissime era ormai imminente il suo affondamento e una commissione di esperti consigliò il rimorchio di quella massa ancora semigalleggiante, verso fondali più importanti dove una pressione maggiore e una temperatura minore avrebbero contenuto gli spargimenti del greggio ancora rimasto. In contrasto con questa commissione si è invece optato per trainare quella bomba ecologica verso fondali molto più bassi, per consentire che il relitto si adagiasse su un fondale raggiungibile abbastanza agevolmente dall’uomo. Così facendo hanno consentito la bonifica negli anni seguenti, cosa che sarebbe stata altrimenti impossibile. Se fosse stata affondata a fondo avrebbe anche indotto altre navi irrispettose dell’ambiente che vi passavano sopra a lavare cisterne scaricando a mare i liquami, imputando l’inquinamento alla Haven. Scaricando insomma ad altri le proprie responsabilità. Sicuramente è stata scelta la strada più giusta!

Lascia un commento