La scelta del nome

Qualche mese fa io e la mia gravida compagna ci siamo trovati a dover scegliere il nome da dare al nostro erede.

Quella che mi sembrava essere una pura scelta in base al gusto, si è rivelata una selezione con rigidi criteri da rispettare.

Scartando subito tutti i nomi stranieri che per fortuna non piacciono a entrambi, la mia dolce metà impone certe condizioni.
Non deve essere troppo lungo perché non deve essere storpiato. Non deve contenere né la lettera S, né la lettera L che noi Ferraresi pronunciamo in maniera abbastanza “pesante”.
Deve poi andare foneticamente d’accordo abbinato al cognome risultando agevole da pronunciare. Piacerebbe ad entrambi che iniziasse con la lettera M come il nome del papà che poi sarei io.

Non pensavo che scegliere un nome fosse così problematico e dopo aver vagliato tantissime possibilità, siamo arrivati a partorire il nome.

Tra meno di 3 settimane arriverà Mattia che ci ha già fatto sudare solo per la scelta del nome, e se il buon giorno si vede dal mattino…

Lascia un commento