La tecnologia migliora l’infomobilità

La tecnologia darà una mano alla viabilità nei prossimi anni. Almeno a Firenze dove la provincia ha annunciato da poco il progetto Pegasus. Una serie di applicazioni telematiche con diverse finalità inerenti la viabilità. Le vetture che già oggi circolano (circa 13000 nella provincia) pagando l’assicurazione a consumo (pay per use), trasmetteranno via gprs alla provincia, la loro posizione gps. Grazie a questo campione, la provincia avrà un’idea del traffico e convoglierà i dati raccolti in un database. Altri sensori monitorizzeranno la viabilità da postazioni fisse convogliando nello stesso database i risultati. L’idea è di confluire tutto in un unico bacino dati da cui poi attingere per i più svariati servizi. Informare via cellulare sul traffico in determinate zone della città in tempo reale o trovare parcheggi liberi. Preziose informazioni per chi gestisce il traffico che potrà gestire i semafori al meglio oppure i pedoni alla fermata del bus sapranno esattamente quanto attendere. Nel futuro poi le automobili usciranno con sistemi gprs e gps di serie, aumentando l’attendibilità del sistema di monitoraggio.

Da hwgadget

Lascia un commento