La tecnologia nei pomodori

Di fronte all’aumento di domanda dei generi alimentari, la tecnologia risponde con metodi davvero all’avanguardia. Nella coltivazione dei pomodori, le serre olandesi sono probabilmente le più avanzate. Questo metodo intensivo di coltivazione sfrutta, per tutti i servizi di cui necessita, la corrente elettrica sviluppata da un moderno ed ecologico motore a gas. Ecologico in quanto sfrutta gas combustibile per fare corrente elettrica e i gas di combustione sono usati per scaldare le serre. La cogenerazione cioè la trasformazione di più forme di energia sfruttando al meglio quella d’origine, non è l’unica nota di vanto di questi impianti. Parte della CO2 dei fumi, viene immessa all’interno delle serre per sviluppare e aumentare la produzione di pomodori. Passando da 350ppm a 700ppm come concentrazione di CO2 nell’aria, si riesce ad incrementare fino al 25% la produzione. Neanche la terra serve più in queste serre completamente isolate dal mondo esterno, le piante infatti crescono su supporti spugnosi che ne ottimizzano l’assorbimento di sostanze nutritive risparmiando al massimo anche l’acqua. Questi sistemi di coltivazione ad alta resa arrivano a produrre fino a 70 kg di pomodori per metro cubo di serra e probabilmente sono simili coltivazioni che riusciranno a far fronte alla domanda di cibo sempre crescente.
Da hwgadget

Lascia un commento