Mentalità da fabbrica, sprecona e contorta

Lavoro all’interno di un grosso stabilimento industriale ormai da oltre 14 anni e mi ha sempre colpito la mancanza di logica che impera sovrana da sempre.
Mancanza di logica o logica contorta a seconda di come uno intende vedere la cosa.

Gente che dopo aver dato prova della propria negligenza viene allontanata dalle proprie mansioni con una promozione economica e una sistemazione migliore.
Spese folli per lavori assurdi sono all’ordine del giorno. Decine di migliaia di euro per apparecchiature già obsolete ancora prima di andare in servizio.

Organigrammi di reparti dove sono di più i capi che comandano che gli operai che lavorano.
Quintali di carta stampata di documentazione che nessuno leggerà mai. Una burocrazia esasperata che, per provare a modernizzarsi, invece di snellirsi diventa ancora più contorta di quanto già non sia.

Dopo tanti anni dovrei averci fatto l’abitudine, ma di fronte agli sprechi resto sempre molto perplesso e disgustato soprattutto col clima di crisi economica che non riusciamo a scrollarci di dosso.

Chissà se mai riuscirà a cambiare la mentalità contorta e sprecona che in fabbrica regna sovrana.

Lascia un commento