Tachigrafo in auto

Dal 2006 per tutti i Tir è obbligatorio avere montato sul mezzo il tachigrafo digitale. Una specie di scatola nera del mezzo che registra velocità e chilometraggio, l’evoluzione tecnologica del vecchio disco orario. Con un iterfaccia USB per scaricare su un computer i dati giornalieri, memorizza percorso e orari. Questo sistema di monitoraggio del tragitto percorso, potrebbe essere adottato dalle compagnie assicuratrici per favorire la stipula di polizze a pagamento sul reale fruizione del servizio. Sarebbe anche interessante un addebito del bollo auto in base all’uso che una persona ne fa, anche se questa tassa è considerata una tassa di proprietà e non una di circolazione. Il costo della scatola nera sarebbe ammortizzabile con il risparmio delle spese e sulle nuove auto sarebbe di serie. Nata come arma contro le stragi sulle strade a controllo della sicurezza stradale, speriamo che questa scatola nera trovi anche applicazioni che ci facciano risparmiare un po’ di soldi.

Lascia un commento