La tecnologia per irrigare

Negli anni che verranno nel mondo dell’agricoltura, ma non solo, la parola d’ordine sarà risparmiare acqua. La tecnologia aiuterà non poco in questa missione ambientale facendoci risparmiare importanti quantità d’acqua. Impianti funzionanti grazie al calore del sole, riusciranno a togliere il sale dall’acqua marina, per irrigare serre istallate nel deserto. Altri dispositivi riusciranno a sfruttare la rugiada del mattino per

Leggi tuttoLa tecnologia per irrigare

Agricoltura biotech per le coltivazioni senza pesticidi

La biotecnologia è al centro della ricerca nei laboratori di genetica. Terapie di manipolazione genetica per creare pomodori e mais, ma anche altre colture, resistenti a virus patogeni che potrebbero minacciare interi raccolti. Nel 2003, ad esempio, uno di questi virus fu responsabile della perdita del 50% dei raccolti di pomodori di tutta la Sardegna. Da sempre l’uomo ha provato a selezionare le piante migliori, quelle con una resa produttiva maggiore, poi ha

Leggi tuttoAgricoltura biotech per le coltivazioni senza pesticidi

Agricoltura in acqua salata

Nei prossimi anni sembra essere ormai cosa certa, che arriverà a scarseggiare l’acqua dolce. Questo bene che oggi ci sembra inesauribile, diventerà fra i più preziosi in assoluto. Nell’area mediterranea si avvertirà forse anche prima che altrove, considerando anche la desertificazione già in atto in alcune aree del nostro bacino. Due ricercatori, Jelte Rozema e Timothy Flowers, hanno pubblicato uno studio sull’agricoltura in acqua salata. I primi risultati non sono stati troppo positivi, ma probabilmente perché

Leggi tuttoAgricoltura in acqua salata

Si ritorna a bruciare il pioppo

Sono sempre più numerosi gli agricoltori Italiani che hanno deciso di dedicare una parte delle loro terre alla coltivazione del pioppo. Da sempre sono state coltivazioni presenti sugli argini dei corsi d’acqua per la loro proverbiale sete ma soprattutto per rinforzare e compattare la terra. Usati principalmente per aiutarci in questi scopi, hanno ultimamente risvegliato l’interesse per la possibilità di essere una alternativa come fonte energetica combustibile. Da quando si piantano al primo raccolto utile di legno passano circa due anni, durante i quali non c’è bisogno di grossi

Leggi tuttoSi ritorna a bruciare il pioppo