Celle fotovoltaiche su molti beni di consumo

Le prime celle fotovoltaiche sono apparse negli anni 80 come sistema di alimentazione per calcolatrici. Poi per vent’anni la tecnologia applicata ai gadget, ha frenato bruscamente per tornare alla ribalta negli ultimi anni. Cappellini con ventole alimentate dalle celle o aeroplanini con le ali ricoperte da pannelli, ma anche inseriti nei capi di vestiario e in borse. La ripresa all’utilizzo di questa tecnologia si deve al rilancio delle energie alternative. Le celle per le applicazioni minori, infatti,

Leggi tuttoCelle fotovoltaiche su molti beni di consumo

Elettricità pulita che viene dall’infrarosso

Le nanotecnologie si rivelano, ancora una volta, una delle più promettenti vie per un futuro più pulito. All’Università della California un gruppo di ricercatori ha scoperto che le pellicole di nanotubi di carbonio, oltre alle loro doti di resistenza meccanica e di conduttività elettrica, sono anche ottimi vettori di radiazioni infrarosse. Fino ad oggi gli studi si erano soffermati alla sfera visibile della luce, ma questa nuova scoperta pubblicata su “Applied Physics Letters”, apre interessanti nuove strade. Potrebbe portare alla costruzione di pannelli fotovoltaici con

Leggi tuttoElettricità pulita che viene dall’infrarosso

Pannelli ombreggianti

In un’area di servizio in autostrada, nei pressi di Roma, mi è capitato di vedere nel parcheggio auto, questo singolare sistema ombreggiante. Come si intuisce dalla foto, l’ombra non è il suo scopo principale ma un effetto secondario positivo. Anche se spesso questi impianti fotovoltaici, non arrivano neppure a ripagarsi con la corrente prodotta il costo dell’impianto, sono sicuramente una cosa positiva.

Leggi tuttoPannelli ombreggianti

Il silicio sarà più flessibile

Le nuove tecnologie dei pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica, portano a rendimenti sempre migliori con l’allungamento della vita degli impianti. Il miglior prodotto ad oggi è quello con celle di silicio monocristallino. Uno strato sottile (meno di un millimetro) che però non sopporta torsioni o piegature, è fragile come il vetro e ciò limita molto le sue applicazioni. Dal politecnico di Torino hanno proposto una soluzione: con una specie di imbustamento in due sottili strati polimerici, hanno reso il foglio di silicio estremamente flessibile. Molto più leggero perché non serve più un armatura metallica di protezione, il pannello è ora disponibile per nuove svariate applicazioni. Rendere fotovoltaica

Leggi tuttoIl silicio sarà più flessibile

Inquinamento fotovoltaico

Leggendo un articolo su un quotidiano scopro l’ennesima contraddizione della Cina: E’ leader mondiale nella produzione di pannelli fotovoltaici, ma nel farlo inquina tantissimo e oltretutto, il 90% della sua produzione è destinata all’esportazioni in Europa, America e Giappone. Le fabbriche cinesi che producono il polisilicio, componente chiave dei pannelli, sono in forte espansione, sia come produzione del prodotto, sia come inquinamento. E’ paradossale che una industria che genera un bene così ecologico e destinato a ridurre l’impatto dell’uomo sulla terra, inquini con rifiuti tossici. La produzione dei pannelli nel rispetto dell’ambiente

Leggi tuttoInquinamento fotovoltaico